18.5 C
New York
lunedì, Maggio 20, 2024

Buy now

Psoriasi: un piccolo manuale di cura e prevenzione

La psoriasi è una malattia cronica, non contagiosa, caratterizzata da lesioni infiammate ricoperte da croste bianco-argentee di pelle morta.

Sebbene la malattia possa svilupparsi in qualsiasi momento, il 10-15% di tutti i casi viene diagnosticata in bambini sotto i 10 anni e l’età media alla comparsa dei sintomi è di 28 anni.

Inoltre è più comune nelle persone dalla pelle chiara ed estremamente rara negli individui dalla pelle scura.

Sintomi e cause

I segni e i sintomi della psoriasi sono diversi per ognuno.

Segni e sintomi comuni includono:

  • chiazze rosse sulla pelle ricoperte da spesse squame argentee;
  • piccole macchie squamose comunemente osservate nei bambini;
  • pelle secca e screpolata che può sanguinare;
  • prurito, bruciore o dolore;
  • unghie ispessite o rigide;
  • articolazioni gonfie e rigide.

Il tuo sistema immunitario ha lo scopo di proteggerti quando un “intruso”, come un virus del raffreddore, entra nel tuo corpo. Ma a volte, il sistema immunitario scambia le cellule sane del tuo corpo per intrusi, e le attacca.

Sebbene la causa esatta della psoriasi non sia completamente compresa, gli scienziati ritengono che la psoriasi sia il risultato di diversi fattori tra cui il sistema immunitario.

Quando hai la psoriasi, il tuo sistema immunitario è iperattivo. Questo crea infiammazione all’interno del corpo, che è una causa dei sintomi che vedi sulla pelle.

Vengono prodotte cellule più sane del normale. Quelle cellule in eccesso vengono spinte sulla superficie della tua pelle troppo velocemente. Normalmente, ci vuole circa un mese affinché le cellule della pelle attraversino il corpo. Con la psoriasi, ci vogliono giorni. Il tuo corpo semplicemente non può eliminare le cellule della pelle così velocemente, quindi le cellule si accumulano sulla superficie della tua pelle. Le macchie rosse e spesse che vedi sulla pelle (chiamate placche) sono in realtà un accumulo di cellule cutanee in eccesso.

Quale ruolo hanno i linfociti T?

La prova di un ruolo chiave dei linfociti T nella patogenesi della psoriasi ha origine sia da dati sperimentali che clinici. Inizialmente, gli immunosoppressori generalizzati, destinati all’uso in contesti di trapianto, sono stati trovati per migliorare i segni clinici e i sintomi della psoriasi. La loro efficacia ha attirato l’attenzione sulle cellule T attivate, che sono una componente importante dell’infiltrato infiammatorio delle lesioni psoriasiche.

Ulteriori ricerche hanno determinato che le cellule T di pazienti con psoriasi potrebbero trasmettere la malattia nei modelli animali. Questi risultati hanno gettato le basi per caratterizzare la patogenesi della psoriasi come immuno-mediata, con cellule T dirette alla pelle, che svolgono un ruolo centrale.

Una volta che queste cellule T patogene sono entrate nella pelle, si attivano e rilasciano citochine e chemochine per attrarre altre cellule immunitarie per perpetuare la cascata infiammatoria. Poiché il ruolo della cellula T nella psoriasi si è evoluto e la comprensione dell’immunopatologia è aumentata, sono stati rivelati una moltitudine di bersagli biologici.

Le strategie più recenti per il trattamento della psoriasi, si sono, quindi, concentrate sulla modifica delle cellule T in questa malattia attraverso l’eliminazione diretta delle cellule T attivate, l’inibizione dell’attivazione delle cellule T o l’inibizione della secrezione o dell’attività delle citochine. I meccanismi con cui questi nuovi agenti biologici agiscono sulla psoriasi, influenzeranno il loro profilo di efficacia e sicurezza. Importanti criteri di selezione per terapie antipsoriasiche ottimali includono sicurezza e tollerabilità a lungo termine, capacità di produrre remissioni di lunga durata e regimi di dosaggio convenienti.

Come capire se si ha la psoriasi

Tale disturbo si manifesta sotto forma di lesioni cutanee e placche rosse con margini netti. Queste reazione infiammatorie di forma tondeggiante sono rivestite da squame biancastre. Tali “scalfitture” possono non presentare alcun sintomo o provocare un lieve prurito occasionale, ma gli effetti a livello estetico possono essere notevoli.

Come riconoscere la psoriasi? Beh, la psoriasi a placche è la forma più comune di tale disturbo.

I suoi sintomi sono lesioni cutanee secche, conosciute come placche, ricoperte di squame.

Normalmente compaiono su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e parte bassa della schiena, ma possono comparire in qualsiasi parte del corpo.

Possono essere pruriginose o doloranti, o entrambe le cose. Nei casi più gravi, la pelle intorno alle articolazioni può rompersi e sanguinare.

Inoltre, sono localizzate soprattutto nelle ginocchia, nella regione sacrale, nei gomiti, nelle mani, nei piedi e nel cuoio capelluto.

Tenendo conto delle numerose forme sotto le quali si può manifestare, non è corretto parlare di psoriasi come di una sola e unica patologia.

Le 6 maggiori varianti cliniche di psoriasi sono: – a placche, delle unghie, inversa, pustolosa ed infine eritrodermica.

Il tipo più comune di psoriasi è quella a placche che provoca chiazze cutanee secche, pruriginose e ricoperte di squame. Di solito compaiono sui gomiti, sulle ginocchia, sulla parte bassa della schiena e sul cuoio capelluto. Le macchie variano di colore e la pelle colpita potrebbe guarire con cambiamenti temporanei di colore (iperpigmentazione post infiammatoria), in particolare sulla pelle marrone o nera.

Ma anche la psoriasi delle unghie è molto comune oppure la psoriasi inversa che colpisce principalmente le pieghe cutanee dell’inguine, dei glutei e del seno. Provoca chiazze lisce di pelle infiammata che peggiorano con l’attrito e la sudorazione. Le infezioni fungine possono scatenare questo tipo di psoriasi.

La psoriasi pustolosa invece è una tipologia particolare (quasi unica) in grado di provocare vesciche piene di pus chiaramente definite. Può verificarsi in chiazze diffuse o su piccole aree dei palmi o delle piante dei piedi.

Infine, il tipo meno comune di psoriasi è quella eritrodermica che può coprire l’intero corpo con un’eruzione cutanea che può prudere o bruciare intensamente. Può essere di breve durata (acuta) o di lunga durata (cronica).

Psoriasi e stress

La psoriasi da stress intacca spesso e volentieri il cuoio capelluto e le unghie (delle mani e dei piedi). Ad ogni modo, può comparire su qualsiasi zona del corpo.

La psoriasi del cuoio capelluto è un disturbo cutaneo e si presenta sotto diverse forme. Le dimensioni delle singole chiazze sono mutevoli e le contusioni possono presentare sintomi specifici o provocare prurito.

La manifestazione più frequente del disturbo è la desquamazione del cuoio capelluto con lieve prurito occasionale.

Altri sintomi molto comuni sono la comparsa di placche eritematose e desquamazione del cuoio capelluto.

La psoriasi delle unghie invece, è un particolare disturbo che modifica e altera la struttura delle unghie.

Può causare un distacco graduale delle stesse, chiazze o strisce anomale di colore bianco, indebolimento dell’unghia e lunule arrossate.

L’influenza dei fattori psicologici

La maggior parte delle persone affette da psoriasi riferisce che in una certa misura influisce sulla qualità della vita. I pazienti con desquamazione deturpante, arrossamento su viso, collo e altre parti del corpo facilmente visibili sono particolarmente colpiti dal disturbo della pelle, in particolare se l’esordio della psoriasi avviene durante l’infanzia e l’adolescenza.

Ma quali sono le conseguenze psicologiche che ne derivano?

La psoriasi è associata a una varietà di sintomi psicosociali, tra cui:

  • vergogna, imbarazzo o impotenza;
  • scarsa autostima e bassa autostima, che a volte portano all’isolamento sociale;
  • disfunzione sessuale, a causa di autocoscienza o lesioni dolorose;
  • ideazione suicidaria, che si verifica fino al 10% dei pazienti con psoriasi;
  • interferenza con le attività della vita quotidiana, tra cui vestirsi, fare il bagno e dormire;
  • un impatto negativo sul funzionamento familiare del paziente, tra cui difficoltà finanziarie, sindrome di stress del caregiver e degenerazione delle relazioni paziente-famiglia;
  • stress, che può scatenare riacutizzazioni della psoriasi, nel 43-68% dei pazienti;
  • depressione, a causa di una ridotta qualità della vita.

Rimedi: nuove cure per la psoriasi

Le cure con fototerapia UVB e P-UVA sono tipicamente prescritte da un dermatologo. La fototerapia comporta l’esposizione regolare della pelle alla luce ultravioletta e sotto controllo medico. I trattamenti possono essere eseguiti nell’ufficio di un operatore sanitario, in una clinica o a casa con un’unità di fototerapia. La chiave del successo con la fototerapia è la costanza.

L’UVB è presente nella luce solare naturale ed è un trattamento efficace per la psoriasi. I raggi UVB penetrano nella pelle e rallentano la crescita delle cellule epiteliali colpite. Il trattamento con UVB può includere la fototerapia UVB, il laser ad eccimeri o la fototerapia UVB in ufficio o a casa.

Il trattamento di fototerapia UVB prevede l’esposizione della pelle a una fonte di luce UVB artificiale per un determinato periodo di tempo a intervalli regolari.

Esistono due tipi di trattamento UVB – banda larga e banda stretta. Ci sono tre differenze principali tra loro:

  • le lampadine UVB a banda stretta rilasciano una gamma più piccola di luce ultravioletta;
  • gli UVB a banda stretta possono eliminare la psoriasi più velocemente e produrre remissioni più lunghe;
  • gli UVB a banda stretta possono richiedere meno trattamenti a settimana.

Il trattamento UVB è offerto in diversi modi. Ciò può includere piccole unità per aree localizzate come mani e piedi, unità per tutto il corpo o unità portatili. Alcune unità UVB utilizzano lampade o lampadine UV tradizionali, altre utilizzano lampadine a LED.

Il laser ad eccimeri, approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento delle placche psoriasiche croniche localizzate, emette un raggio UVB ad alta intensità e può colpire le aree della pelle colpite da psoriasi da lieve a moderata.

Trattare la psoriasi con la fototerapia UVB domiciliare può essere una scelta economica e conveniente. Come la fototerapia nell’ufficio o nella clinica di un operatore sanitario, richiede un programma di trattamento coerente. Gli individui vengono curati inizialmente presso una struttura medica e quindi iniziano a utilizzare un’unità luminosa a casa. È fondamentale quando si esegue la fototerapia a casa seguire le istruzioni di un operatore sanitario e continuare con controlli regolari.

Mentre per quanto riguarda la luce ultravioletta A (UVA), è relativamente inefficace per la psoriasi a meno che non venga utilizzata con agenti fotosensibilizzanti chiamati psoraleni. Questo processo, chiamato PUVA, rallenta la crescita eccessiva delle cellule della pelle e può eliminare i sintomi della psoriasi per periodi di tempo variabili. Esistono tre vie di somministrazione per PUVA: topica come crema, mescolata con l’acqua del bagno o ingerita per via orale. La psoriasi a placche stabile, la psoriasi guttata e la psoriasi dei palmi delle mani e delle piante dei piedi rispondono maggiormente al trattamento con PUVA.

Luce solare: Sebbene sia i raggi UVB che i raggi UVA si trovino alla luce del sole, i raggi UVB funzionano meglio per la psoriasi. Gli UVB del sole funzionano allo stesso modo degli UVB nei trattamenti di fototerapia.

Se facciamo riferimento alle forme più gravi, che costituiscono circa il 10% dei casi e vedono un’ampia propagazione delle macchie, esistono oggi trattamenti all’avanguardia come le cure biologiche o le creme per psoriasi.

Psoriasi: un piccolo manuale di cura e prevenzione

Entrambe, offrono ai pazienti un reale vantaggio, rispetto alle soluzioni già disponibili sul fronte psoriasi. Una volta iniziata la cura, raggiungono, per selezione, le malattie infiammatorie croniche della pelle bloccandone i meccanismi sul nascere.

Poco fa abbiamo parlato in breve delle nuove cure, ossia dei farmaci biologici per la psoriasi: che dire, sono dispensati con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) presso gli ospedali che possono a loro volta distribuirli in appositi centri specializzati Psocare.

Inoltre, agiscono in modo rapido e mirato dalla prima sola seduta.

Ultimo, ma non meno importante, non rappresentano alcun pericolo per la salute dei pazienti, al contrario: migliorano notevolmente le loro condizioni guarendoli da forme gravi e disagevoli.

Migliori creme per la psoriasi

La psoriasi non può essere curata del tutto, ma può essere tenuta sotto controllo.

Per buona sorte, in commercio esistono creme specifiche che oltre a garantire una soluzione alla problematica della pelle, contrastano e riducono il complesso dei sintomi tipici di tale disturbo. Più precisamente, queste creme possono contenere all’interno delle loro composizioni, delle sostanze apposite per trattare nel miglior modo possibile la psoriasi.

Infatti sono disponibili diverse tipologie di creme per psoriasi che consentono di lenire la pelle: insomma, scegli quella più adatta alle tue esigenze e preferenze! Come la crema “keramin” che ha un’efficace azione curativa e preventiva poiché aiuta ad eliminare le desquamazioni, ad ammorbidire la pelle, a ridurre il bruciore, il gonfiore, l’irritazione e ad accelerare la rigenerazione della pelle.

Psoriasi: un piccolo manuale di cura e prevenzione

Xoriderm Cream”, invece, è una nuova formulazione in crema con il 99% di ingredienti di origine naturale, studiata per lenire il rossore, limitare il prurito e rassodare l’epidermide.

Infine tra le migliori creme presenti in commercio puoi trovare la “cherioll” crema che contiene nutrienti concentrati la cui particolarità è quella di penetrare in profondità una volta applicata sulla pelle.

Le buone abitudini da seguire

Vivere con la psoriasi può essere un giro sulle montagne russe: a volte potresti combattere i razzi mentre altre volte la condizione potrebbe non avere sintomi evidenti. Sapere come gestire questa condizione autoimmune, può rendere la tua vita molto più facile e confortevole. Hai molte opzioni per stare al passo con la psoriasi anche se non ha cura. Una gestione efficace della condizione comprende:

  • un piano di trattamento supportato dal medico;
  • sane abitudini di vita;
  • sostegno alla salute mentale.

Ci sono molti tipi di psoriasi. Ogni tipo richiede piani di gestione diversi in base alla gravità della condizione e a dove si trova sul tuo corpo. È inoltre necessario tenere conto delle altre condizioni di salute che potrebbero essere correlate alla psoriasi. Il tuo medico può escogitare un piano che funzioni meglio per te.

1. Tratta la tua condizione

Non ignorare i sintomi della psoriasi. Poiché non esiste una cura, deve essere gestita da un medico. Quello che appare come un caso lieve può peggiorare con il tempo e il medico può decidere come evitare che la condizione si diffonda. La psoriasi lieve può essere trattata generalmente con metodi topici. La psoriasi di natura moderata o grave può richiedere interventi più forti. Questi includono:

  • prescrizioni topiche;
  • farmaci come farmaci biologici o farmaci per via orale;
  • terapia della luce;
  • medicine o terapie alternative;
  • cambiamenti dello stile di vita.

2. Valuta regolarmente il tuo piano terapeutico

Una tendenza recente nella gestione della psoriasi include l’approccio “treat to target”. Questo concetto ti consente di valutare periodicamente i tuoi trattamenti con un medico. Insieme, determinate se il piano ideato è efficace nel ridurre i sintomi. Tale piano di trattamento dovrebbe avere obiettivi generali per ridurre i sintomi e consentire modifiche da parte tua e del tuo medico ogni pochi mesi. Diversi studi affermano questo metodo di valutazione nella gestione della psoriasi.

Coloro che hanno la misurazione dei risultati per la loro esperienza di psoriasi:

  • maggiore controllo della condizione;
  • sentimenti più positivi riguardo al loro trattamento;
  • sintomi meno gravi.

Parla con il tuo medico per trovare un programma regolare per valutare il tuo piano di trattamento.

3. Gestisci il tuo peso con dieta ed esercizio fisico

Mantenere il peso forma può aiutare a prevenire la diffusione o l’acutizzazione della psoriasi. Alcuni studi collegano il peggioramento dei sintomi della psoriasi con un indice di massa corporea superiore alla media.

Perdere peso aiuterà la tua salute generale e potrebbe ridurre altre condizioni di salute che hai. L’esercizio stesso è considerato un ottimo modo per gestire i sintomi della psoriasi.

4. Smetti di fumare e riduci l’assunzione di alcol

Il fumo può causare lo sviluppo o il peggioramento della psoriasi. Bere alcol può peggiorare la condizione o interferire con i trattamenti. Elimina queste cattive abitudini di vita per ridurne i sintomi.

5. Gestisci lo stress e altri problemi di salute mentale

Lo stress può influire negativamente sulla psoriasi provocando una reazione eccessiva del sistema immunitario. Attività come lo yoga, la meditazione e la consapevolezza possono ridurre lo stress. Dovresti anche esaminare quali fattori nella tua vita causano stress e lavorare per eliminare questi trigger. Potresti anche trovarti alle prese con la salute mentale a causa della psoriasi. L’ansia e la depressione sono comunemente legate a tale disturbo e devono essere trattate immediatamente.

ARTICOLI CORRELATI

Stay Connected

0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultimi articoli